clip image028 clip image030

logo fmi

Al Crossodromo Santa Rita di Cinigiano Andrea Cesari si impone nel tricolore quad e Compalati-Ravera balzano al comando nel campionato sidecarcross (2)

Sotto uno splendido e caldo sole estivo è andata in scena domenica scorsa, 28 maggio, sul crossodromo di Santa Rita di Cinigiano (AP), la seconda puntata del Campionato Italiano Quadcross e Sidecarcross 2017. All’opera nell’organizzazione dell’appuntamento tricolore il  Moto Club Borgo Santa Rita, che ha saputo gestire al meglio la gara curando con attenzione la preparazione del terreno, e, per scongiurare il rischio di eccessiva polvere, ha lavorato sodo già dal sabato bagnando abbondantemente l’intero percorso, anche durante la notte. Il buon risultato ottenuto ha permesso lo svolgimento delle gare su un terreno impegnativo ma mai troppo pesante, ed effettivamente privo di fastidiosa polvere.
L’appuntamento ha proposto una bella serie di gare, e, malgrado il numero di iscritti sia risultato inferiore alle attese, grandi contenuti agonistici in ogni categoria. Buona la partecipazione di giovani e giovanissimi piloti: nuove leve del quad che alimentano il vivaio della disciplina a quattro ruote, ripagando l’impegno profuso in questa direzione dal Comitato Quad della Federazione Motociclistica Italiana.
Gli accorpamenti delle classi, resi necessari per basso numero di alcune categorie, hanno vivacizzato la sfida, proponendo nuovi confronti in pista.

Nella categoria JF250, schierata al cancelletto con la  Veteran, la vittoria di giornata è andata a Mattia Venturini (Can-Am - RS77) che ha colto il successo di classe in entrambe le manche e rafforza così la sua posizione al comando del campionato, a punteggio pieno dopo la doppia vittoria riportata anche nella prima gara stagionale.
A completare il podio sono stati Umberto Caronna (Can-Am - Castelfiorentino) e Paolo Bellante (TM – GF Racer), che hanno chiuso a pari punteggio ma con vantaggio di Caronna, salito sul gradino d’onore perché meglio piazzato nella seconda manche valida come discriminante. Quarta piazza per Filippo Goria (KTM - Team Quad Tity e Amarenas) che con i punti conquistati in questa gara si porta in seconda posizione di campionato.
La Veteran ha visto dominatore in entrambe le manche Rodolfo Salustri (KTM – Monaco) che con i cinquanta punti della doppietta e due punti conquistati nella Supercampione si posiziona leader del campionato a quota 103. Mantiene la seconda posizione provvisoria di campionato Emilio Nelli (Yamaha – Valdera), malgrado il ritiro conseguente ad una caduta nella seconda manche. A garantirgli comunque 20 punti validi per la classifica è stato il buon secondo posto conquistato nella prima frazione. Secondo sul podio Marco Giusti (KTM – Pellicorse). Da registrare l'assenza di Alessandro Fontanazzi che, anche con questo zero, mantiene tuttavia la terza posizione in campionato.

Nel Trofeo Assoluto bella gara di Samuele Flora (Yamaha) che ha dominando la categoria proponendo due splendide vittorie nella due manche. Alle sue spalle l’eccellente prestazione di  Lorenzo Alfaroli (KTM) ed Alessandro Savone (Can-Am), rispettivamente secondo e terzo sul podio.

Manche spettacolari per la gara che ha visto l’accorpamento di quad Sport ed Élite  In testa alla sfida si è proposto fina dalle prima battute un generoso duello tra Andrea Cesari J. (Yamaha - Team Quad Tity e Amarenas ) - foto di copertina - e Simone Mastronardi (Yamaha - Colleferro): i due forti piloti sono si sono superati a vicenda più volte, conquistando infine una vittoria ciascuno. E il confronto si sarebbe potuto ripetere anche nella manche Supercampione, dove invece Mastronardi è rimasto vittima di un inconveniente tecnico che lo ha costretto a ripetute soste, relegandolo all'undicesimo posto al traguardo. Via libera, dunque, per l’altro duellante Andrea Cesari J., che, con la vittoria della finale Supercampione, si è aggiudicato la vittoria di giornata della Elite consolidando così il suo primato in classifica provvisoria di campionato. Rimane al secondo posto nella generale Simone Mastronardi, che è salito comunque sul secondo gradino del podio di giornata. A completare il podio Elite del Santa Rita è stato Mario Cinotti (Can-Am – Moto SPS).
Tra i protagonisti Élite di questa seconda prova, oltre i tre sul podio anche Christopher Fulgeri (Yamaha – Alta Valle Reno), terzo a fine giornata,  ed Amerigo Ventura (Yamaha - Team Quad Tity e Amarenas), quinto, protagonisti di una bella sfida. Positivo il risultato nella Elite del giovane Mattia Ioli  (Yamaha - Team Quad Tity e Amarenas), autore di un sesto posto in gara 1 ed un nono nella Supercampione, sempre al livello di avversari più esperti. Sfortuna invece per Nicola Ciceri (Yamaha - Team Quad Tity e Amarenas), incappato in be due stop per noie tecniche.

Nella categoria Sport, popolata da uno schieramento di giovani ben decisi a dare spettacolo, il più veloce è stato Paolo Galizzi (Can-Am – GF Racer) che è uscito dal Santa Rita con il maggior punteggio grazie a tre ottime manche che lo hanno visto vincitore di gara 1 ed il primato di categoria nella Supercampione,  addirittura quarto al traguardo alle spalle di tre piloti Élite .
Il risultato lo fa balzare in testa alla classifica con 77 punti; nove lunghezze in più di Majcol Porraccin (Kawasaki – Pedemontano), secondo nella gara di Cinigiano, e 13 in più di  Patrick Turrini (Yamaha - Team Quad Tity e Amarenas), terzo in questa gara dopo una bella sfida con Porraccin e terzo in campionato. Sfortuna per Vincenzo Alercia (Honda - Team Quad Tity e Amarenas), a zero nella prima manche e poi vincitore della successiva ed autore di un buon quinto posto nella Supercampione. Assente al cancelletto causa infortunio in allenamento, ma presente tra il pubblico Carla Gamboni.

Qualche assenza da registrare, purtroppo, nel sidecarcross, partito comunque con sette equipaggi al via che hanno offerto il solito coinvolgente spettacolo del motocross a tre ruote.
In pista si è rivisto vincitore l’equipaggio Zeno Compalati – Lemuel Ravera (Della Superba) che ha colto in questa gara, grazie al doppio successo nelle due manche, il punteggio necessario per balzare in vetta al campionato. Ci ha provato comunque la coppia vincitrice del primo round di campionato Pietro e Ivo Lasagna (Motor'S Club Panicale ), ma l’equipaggio Umbro, era reduce da una settimana travagliata a seguito di due infortuni in cui è incappato Ivo, il passeggero, cui ha fatto seguito un ribaltamento nelle prime fasi di gara. Per loro un terzo posto comunque rimediato al Santa Rita vale comunque il secondo posto in classifica. Sul secondo gradino del podio è salito invece l’equipaggio Pozzi-Ceresa (Husqvarna – Gardone Riviera), terzi in campionato.

 

  • image
Previous Next

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy