clip image028 clip image030

logo fmi

Il campionato Maxxis Prestige si chiude col titolo di Cervellin


Michele Cervellin - foto mxreport.it

Nella gara finale di Città di Castello il veneto delle Fiamme Oro si conferma padrone della MX2. Nella MX1 successo a sorpresa di Davide Bonini.

 
Comunicato stampa FXAction 23.09.2018


Davide Bonini - foto mxreport.it

Il campionato italiano Maxxis Prestige di motocross si è chiuso al crossdromo “Ceccarini” di Città di Castello, in un weekend più estivo che autunnale, con l’organizzazione a cura del motoclub Baglioni, in collaborazione con FXAction e Federazione Motociclistica Italiana.

Dopo la conquista matematica del titolo della MX1 da parte di Alessandro Lupino nella scorsa gara della Malpensa, la prova in terra umbra aveva da assegnare ancora il campionato della MX2, oltre a quelli delle categorie minori.

A spuntarla nella quarto di litro è stato Michele Cervellin, che si è confermato anche nel 2018 il miglior pilota italiano della MX2. Ma anche dalla MX1 sono arrivate sorprese ed emozioni.


Start MX2- foto mxreport.it

MX1 – Gara 1
Scatta in testa Davide Bonini (KTM – Gallarate), che comanda per diversi giri. Verso metà gara, però, arriva Stefano Pezzuto (Yamaha – Val San Martino), che si prende la leadership e conquista la sua prima vittoria stagionale nel campionato Maxxis Prestige. Al terzo posto Kade Tinkler Walker (Suzuki – Racing Imolese), mentre Alessandro Lupino (Kawasaki – Fiamme Oro) rimonta fino al quarto posto dopo un avvio in fondo al gruppo.
Gara 2
Assolo di Alessandro Lupino, in testa dal primo all’ultimo giro. Prova solida anche da parte di Bonini, che si colloca dietro al campione in carica e conquista nuovamente la piazza d’onore, mentre al terzo posto sale Pezzuto, davanti a Pier Filippo Bertuzzo (Yamaha – Hg Racing).

MX2 – Gara 1
Holeshot di Andrea Zanotti (Husqvarna – San Marino), davanti a Michele Cervellin (Yamaha – Fiamme Oro), Caleb Grothues (Yamaha) e Samuele Bernardini (Yamaha – Megan Racing). I quattro danno battaglia e spettacolo e ad avere la meglio è Cervellin, davanti a Bernardini, Grothues e Zanotti. Con questa vittoria e il contemporaneo quinto posto di Simone Furlotti (Yamaha – Migliori), il poliziotto veneto si assicura la vittoria del titolo.
Gara 2
Zanotti replica lo scatto vincente, ma Samuele Bernardini lo supera già nel corso del primo giro e s’invola verso la vittoria. Ritiro per Cervellin, costretto ad abbandonare per un problema tecnico mentre era secondo. La piazza d’onore è ereditata da Michael Mantovani (Yamaha – Le Valli), con Grothues ancora terzo e Furlotti quarto.


Samuele Bernardini - foto mxreport.it


Michele Cervellin - foto mxreport.it

SUPERCAMPIONE
Un Bonini in grande spolvero indovina la partenza migliore e conduce fino al quinto giro, quando viene superato dal rimontante Alessandro Lupino. Il podio è completato da Pezzuto, mentre Furlotti, quarto è il migliore dei piloti della MX2. Sesto posto per Cervellin e ritiro per Bernardini.

ASSOLUTE
Con tre secondi posti, Davide Bonini interrompe la striscia positiva di Alessandro Lupino e va a vincere l’assoluta di Città di Castello, per soli due punti su Stefano Pezzuto. Il Lupo deve accontentarsi della terza posizione.
Tomas Ragadini (Honda – Parini) è il migliore della Fast, davanti a Francesco Muratori (KTM – Over Competition) e Alessandro Albertoni (Kawasaki – Marradi). Assente a Città di Castello, Riccardo Righi riesce comunque a conservare un po’ di vantaggio per conquistare il titolo di categoria.
La 300 va a Marco Lolli (Yamaha – Bonanni), alla sua seconda vittoria su due gare disputate in questa categoria. Secondo posto per Manuel Beconcini (KTM – Rosignano) e terzo per Michele Cencioni (KTM – Colli Fiorentini). Davide Bertugli (Husqvarna – Castellarano) è quinto, ma vince il campionato.
Nonostante lo “zero” nella Supercampione, Samuele Bernardini vince la giornata della MX2, davanti a Grothues e Furlotti. A Cervellin basta il quinto posto per assicurarsi la conferma del titolo di campione italiano Prestige.
Nella Fast primeggia Gianluca Deghi (KTM – Cairatese), davanti ad Andrea Vendruscolo (Yamaha – Rt 973) e Andrea Adamo (Honda – Pardi), che si laurea campione di categoria.

Con i podi di Città di Castello si chiude anche la stagione 2018 del campionato italiano Maxxis Prestige. Ma la stagione FXAction non è ancora finita: il prossimo appuntamento è il 6-7 ottobre, con la finale del campionato 125, Femminile e Veteran a Lesignano de’ Bagni.


Thomas Ragadini - foto mxreport.it

 
CLASSIFICHE

Alessandro Castellani Ufficio Stampa FXAction 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Città di Castello chiude l’italiano Maxxis Prestige


Michele Cervellin - foto Redbaz

Ultimo appuntamento con il campionato che riunisce il top del motocross italiano. Da assegnare il titolo della MX2 tra Cervellin e Furlotti

 
Comunicato stampa FXAction 19.09.2018


Samuele Bernardini - foto Redbaz

Il campionato italiano Maxxis Prestige torna in Umbria per chiudere il suo 2018. Dopo la gara di maggio a Castiglione del Lago, il torneo che riunisce il meglio del motocross nazionale riporta la sua carovana nel cuore verde d’Italia, al crossdromo “Ceccarini” di Città di Castello, dove sabato e domenica prossimi si disputerà l’ultima prova.

Il motoclub Baglioni, padrone di casa, è pronto a ospitare quest’importantissimo appuntamento con una pista modificata nel suo sviluppo e la consueta professionalità organizzativa. Federmoto e il promoter FXAction faranno il resto, decisi a garantire al campionato una conclusione degna dell’ottimo percorso effettuato fin dalla gara inaugurale di Pietramurata.

Gli occhi degli appassionati sono puntati soprattutto sulla classe MX2, dove i due compagni del team Sm Action Michele Cervellin (Yamaha – Fiamme Oro) e Simone Furlotti (Yamaha – Migliori) si giocheranno il titolo. I pronostici danno favorito Cervellin, che vanta un discreto margine di vantaggio da gestire, ma Furlotti ha trionfato nell’ultima prova di Malpensa e vuole giocarsi le sue carte fino in fondo.

La matematica tiene in corsa anche Andrea Zanotti (Husqvarna – San Marino), che però è troppo lontano per sperare seriamente nel successo finale.

Un fattore determinante per l’assegnazione del tricolore potrebbe essere Samuele Bernardini (Yamaha – Megan Racing), che è fuori dalla corsa al titolo, ma a Città di Castello s’inserirà sicuramente tra i migliori.

Nella categoria Fast il giovane siciliano Andrea Adamo (Honda – Pardi) può accontentarsi di controllare le mosse dei suoi rivali Manuel Ulivi (Yamaha – Cattai), Ismaele Guarise (Husqvarna – Monselice) e Michael Mercandino (Husqvarna – Granozzo con Monticello), ma deve fare attenzione a non commettere errori che possano riaprire i giochi.

L’interesse nella MX2 sarà anche per la partecipazione di un ospite americano: Austin Root, reduce dal National USA e abituale compagno d’allenamenti di Ken Roczen, che sarà schierato dal team KTM Northwest Motorsport.


Alessandro Lupino - foto Redbaz

Già assegnato, invece, il titolo della MX1 Elite ad Alessandro Lupino (Kawasaki – Fiamme Oro): il dominatore della stagione cercherà di chiudere il suo campionato con un’altra vittoria. Battaglia aperta per la seconda posizione, con Stefano Pezzuto (Yamaha – Val san Martino) in leggero vantaggio su Davide De Bortoli (Honda – Gaerne) e Simone Zecchina (Yamaha – Ceres71).

Riccardo Righi (Husqvarna – Megan Racing) ha dovuto rinviare la festa per il titolo della Fast prevista per Malpensa, ma è deciso a chiudere subito i conti a Città di Castello. D’altronde il suo vantaggio su Tomas Ragadini (Honda – Parini) e Francesco Muratori (KTM – Over Competition) è ancora rassicurante.

Si attende la matematica anche per assegnare il campionato della 300. Davide Bertugli (Husqvarna – Castellarano) ha oltre 100 punti di vantaggio su Michele Cencioni (KTM – Colli Fiorentini) e quindi può correre in difesa. Ancora più indietro Riccardo Cencioni (KTM – Colli Fiorentini), al terzo posto.

La gara di Città di Castello chiuderà anche il Challenge YZ, il monomarca Yamaha disputato nell’ambito di tutte le prove del campionato Maxxis Prestige. Attualmente in testa alla classifica c’è Manuel Ulivi.

Come nelle precedenti occasioni, si rinnova l’appuntamento con le dirette televisive delle manche. I riferimenti sono i soliti: Automoto TV (canale 228 di Sky), la piattaforma streaming Mediasportchannel, il canale Youtube FXAction Live e la pagina Facebook di FXAction.


Davide Bertugli


Partenza MX1 - foto Redbaz

 
CLASSIFICHE

Alla Malpensa Lupino vola col titolo


Lupino con il coach Ravaglia - foto Roberto Grande

A Cardano al Campo l’alfiere delle Fiamme oro si aggiudica il campionato Maxxis Prestige con una gara d’anticipo. Nella MX2 vince Furlotti

 
Comunicato stampa FXAction 10.09.2018


Simone Furlotti - foto Redbaz

Alessandro Lupino cala il poker. Il pilota delle Fiamme Oro, in sella alla Kawasaki del team Gebben, vince il titolo italiano Maxxis Prestige, il suo quarto alloro nazionale consecutivo, con una gara d’anticipo a Cardano al Campo, sulla pista del Ciglione del Malpensa.

Ottimamente organizzata dal motoclub Mv Gallarate, in perfetta sinergia con Federazione Motociclistica Italiana e FXAction, la gara lombarda ha regalato tante emozioni e colpi di scena, concludendosi però nel segno del poliziotto di Viterbo, grande favorito dei pronostici.


Partenza MX2 - foto Redbaz

CRONACA
MX1 Gara 1

Colpo di scena al via, con Lupino che rimane fermo alla prima curva a causa di un contatto con un altro pilota. In testa si porta Simone Croci (Suzuki – Over Competition), che battezza al meglio il suo cambio di moto con una vittoria d’autorità.
Seconda posizione per Simone Zecchina (Yamaha – Ceres71) e terzo Kade Tinkler Walker (Suzuki – Racing Imolese). Lupino risale fino alla quinta piazza, ma va ancora peggio al suo rivale per il titolo Stefano Pezzuto (Yamaha – Val San Martino), che non totalizza punti.

MX1 Gara 2
Pronto riscatto di Alessandro Lupino, in testa dal primo all’ultimo giro. Nessuno scossone neanche per le altre posizioni del podio: secondo per tutta la gara è il padrone di casa Davide Bonini (KTM – Mv Gallarate) e terzo Stefano Pezzuto. Con questi risultati, Lupino taglia il traguardo e festeggia la conquista matematica del titolo.
Il vincitore di gara-1, Croci, è sesto.

MX2 Gara 1
Holeshot della tabella rossa Michele Cervellin (Yamaha – Fiamme Oro), che però sciupa tutto con una spettacolare caduta in discesa. Per lui, ripartito dal fondo del gruppo, c’è solo una quattordicesima posizione.
Al comando si porta dunque Michael Mantovani (Yamaha – Le Valli), che prova la fuga ma viene raggiunto e superato proprio all’ultimo giro da Samuele Bernardini (Yamaha – Megan Racing), al debutto nel campionato Maxxis Prestige. Mantovani è secondo e terzo chiude Simone Furlotti (Yamaha – Migliori).

MX2 Gara 2
Nuovo avvio vincente di Cervellin, alle cui spalle s’installa l’australiano Caleb Grothues (Yamaha – team SDM). I due restano nell’ordine per oltre metà gara, poi Simone Furlotti cambia ritmo e li supera entrambi, andando ad aggiudicarsi la corsa. Bernardini è quarto, davanti a Matteo Bonini (KTM – Castellarano), ancora una volta spettacolare con la 2 tempi.

Supercampione
Assolo da neocampione per Lupino, che si esibisce in una nuova galoppata solitaria. Croci scatta bene in seconda posizione, ma retrocede fino alla quarta, superato da Furlotti e Davide Bonini. Quinto termina Bernardini, davanti a Cervellin.


Podio Supercampione - foto Roberto Grande

ASSOLUTE
Ancora una vittoria in MX1 per Alessandro Lupino. Dietro al riconfermato campione si piazza un eccellente Simone Croci, mentre Davide Bonini completa il podio, sfruttando al massimo la conoscenza della pista amica.
Nella Fast prevale Alessandro Contessi (Kawasaki – Parini), alla sua prima gara stagionale nel Maxxis Prestige. Completano il podio Alessandro Giorgi (KTM – Berbenno) e Andrea Cervellin (Honda – Mx Revel). Pochi punti e tanti guai per i protagonisti abituali, in particolare per il capoclassifica Riccardo Righi (Husqvarna – Megan Racing), messo fuori gioco da una caduta al via di gara-1.
La classe 300 è appannaggio di Marco Lolli (Yamaha – Bonanni), subito primo al debutto in questa cilindrata. Lo seguono Davide Bertugli (Husqvarna – Castellarano) e Michele Cencioni (KTM – Colli Fiorentini).

Simone Furlotti si aggiudica la MX2 e recupera punti preziosi su Michele Cervellin, costretto ad accontentarsi del quarto posto di giornata. Samuele Bernardini e Michael Mantovani chiudono un podio monocolore Yamaha.
Nella Fast vince ancora Andrea Adamo (Honda – Pardi), davanti ad Andrea Vendruscolo (Yamaha – Rt 973) e Ismaele Guarise (Husqvarna – Monselice).

Con il solo titolo di Alessandro Lupino già assegnato, il campionato italiano Maxxis Prestige dà appuntamento a tutti gli appassionati all’ultima prova, in programma il 22 e 23 settembre a Città di Castello (PG).


Davide Bonini - foto Redbaz


Samuele Bernardini - foto Redbaz

 
CLASSIFICHE
 

Manuel Ulivi torna in testa al Challenge YZ


Manuel Ulivi

Il pilota del motoclub Maurizio Cattai vince la gara di Cardano al Campo, mentre il suo rivale Vaja è assente

 
Comunicato stampa FXAction 12.09.2018

Manuel Ulivi torna in testa al Challenge YZ, organizzato da Yamaha e FXAction nell’ambito del campionato italiano Maxxis Prestige.

Il pilota del motoclub Maurizio Cattai si aggiudica la gara di Cardano al Campo, sulla storica pista del Ciglione della Malpensa, con un terzo e un primo posto di manche nella speciale classifica elaborata appositamente per i piloti della categoria Fast che partecipano al monomarca Yamaha.

Al secondo posto si piazza Andrea Vendruscolo, del motoclub Rt 973 Mx School, che totalizza due piazze d’onore. Completa il podio Massimiliano Rizzardi, del motoclub Arco, vincitore in gara-1 ma frenato da un settimo posto nella seconda uscita.

Assente, invece, Felix Vaja, che occupava la prima posizione in classifica alla vigilia della gara della Malpensa.

Con il successo in Lombardia e la contemporanea assenza di Vaja, Manuel Ulivi riconquista la leadership del Challenge YZ, che mette in palio un montepremi complessivo di 2200 euro.


Manuel Ulivi - foto Carmelo Mazzullo

 
CLASSIFICHE

Il campionato Maxxis Prestige alla resa dei conti


Foto Carlo Landucci

L’italiano motocross si ritrova al Ciglione della Malpensa per la penultima prova. Lupino cerca il titolo in anticipo

 
Comunicato stampa FXAction 05.09.2018

I saliscendi dello storico Ciglione della Malpensa, a Cardano al Campo, sono pronti per ospitare ancora una volta una manifestazione di grande valore. L’8 e 9 settembre, infatti, arriverà in provincia di Varese il campionato italiano Maxxis Prestige di motocross.

Sulla pista gestita dal moto club Mv Gallarate, una delle più antiche d’Italia, si vedranno in azione piloti di livello internazionale, con la possibilità anche di assistere alla consegna anticipata di qualche titolo.


Alessandro Lupino - Foto Claudio Flori

È la MX1 la classe in cui le cose sembrano più definite. Alessandro Lupino (Kawasaki – Fiamme Oro) è saldamente al comando della classifica, con quasi 700 punti di vantaggio su Stefano Pezzuto (Yamaha – Val San Martino). Se il viterbese riuscirà a difendere il suo margine, potrà festeggiare la conferma dell’alloro italiano prima di arrivare alla prova finale di Città di Castello.

La matematica tiene in corsa anche Davide De Bortoli (Honda – Gaerne), che però ha compromesso molte delle sue chance con la cattiva giornata di Castellarano, in cui ha totalizzato pochissimi punti. Da segnalare tra le note anche il cambio di casacca di Simone Croci, attuale sesta forza del campionato, che lascia la KTM e passa alla Suzuki.

Riccardo Righi (Husqvarna – Megan Racing) è il primo della Fast e, come Lupino, ha anch’egli un ampio margine sugli inseguitori, capeggiati da Tomas Ragadini (Honda - Parini) e Francesco Muratori (KTM – Over Competition). Nella 300 Davide Bertugli (Husqvarna – Castellarano) deve difendersi dagli attacchi dei fratelli Michele e Riccardo Cencioni (KTM – Colli Fiorentini), entrambi a caccia del suo primato.


Simone Furlotti - Foto Gianfranco Passera

Nella MX2 le cose sono più incerte, tant’è vero che la tabella rossa è già passata di mano da un pilota all’altro per tre volte. A Castellarano se l’è ripresa il campione in carica Michele Cervellin (Yamaha – Fiamme Oro), che nella prova precedente aveva dovuto cederla al compagno di squadra Simone Furlotti (Yamaha – Migliori). Il team Sm Action si presenterà alla Malpensa a ranghi completi, con lo svedese Alvin Ostlund che si aggiungerà allo squadrone, che conta anche Michael Mantovani e Alessandro Manucci.

Da non dimenticare il giovane Andrea Zanotti (Husqvarna – San Marino), attuale seconda forza del campionato, sempre pronto ad approfittare dei passi falsi che, a turno, hanno compiuto tutti i suoi avversari. E poi Giuseppe Tropepe (Yamaha – Val San Martino), vincitore nella gara inaugurale di Pietramurata.


Andrea Adamo - Foto Alex Piantanida

Nella gara di Cardano al Campo della MX2 anche delle interessanti novità. Su tutte quella di Samuele Bernardini (Yamaha – Megan Racing), al debutto stagionale nel campionato Maxxis Prestige, con tutte le intenzioni di ben figurare.

Nella categoria Fast la battaglia è ancora più aperta. Andrea Adamo (Honda – Pardi) è in testa, ma Michael Mercandino (TM – Granozzo con Monticello), Manuel Ulivi (Yamaha – Cattai) e Ismaele Guarise (Husqvarna – Monselice) seguono a breve distanza. Tutto si deciderà con le ultime manche dell’anno.

Ulivi è in corsa anche per la vittoria del Challenge YZ Yamaha, in cui occupa la seconda posizione provvisoria, con un solo punto di ritardo su Felix Vaja (Yamaha – Berbenno). Il monomarca della casa di Iwata mette in palio un montepremi complessivo di 2200 euro.


Manuel Ulivi

Come ormai consuetudine per il campionato italiano Maxxis Prestige, sarà possibile vedere in diretta e in differita le gesta dei protagonisti del Ciglione della Malpensa anche dallo schermo del pc o della tv.

La gara sarà trasmessa su Automoto TV (canale 228 di Sky) e in diretta sulle piattaforme streaming di FXAction: la pagina Facebook FXAction e il canale Youtube FXAction Live.

 
CLASSIFICHE
  • image
Previous Next

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy