clip image028 clip image030

logo fmi

Le dirette TV su AutomotoTV e Mediasportchannel

DIRETTE:

- dalle 11:10 circa alle 12:45 circa : mx2 gara 1 e mx1 gara 1 - DIRETTA AUTOMOTOTV e MEDIASPORTCHANNEL

- dalle 14:00 circa alle 15:30 circa : mx2 gara 2 e mx1 gara 2 - DIRETTA MEDIASPORTCHANNEL

- dalle 16:50 circa alle 17:30 circa : mx supercampione - DIRETTA AUTOMOTOTV e MEDIASPORTCHANNEL



DIFFERITE:

MX2 - GARA 1

MAR 11/09 ORE 00:30
MER 12/09 ORE 07:00
VEN 14/09 ORE 10:00

MX1 - GARA 1

MAR 11/09 ORE 11:00
MER 12/09 ORE 14:00
VEN 14/09 ORE 17:00

MX2 - GARA 2

MAR 11/09 ORE 15:00
GIO 13/09 ORE 06:30
SAB 15/09 ORE 18:30

MX1 - GARA 2

MAR 11/09 ORE 19:00
GIO 13/09 ORE 08:00
DOM 16/09 ORE 07:00

SUPERCAMPIONE

MER 12/09 ORE 01:00
GIO 13/09 ORE 14:00
DOM 16/09 ORE 08:00

Castellarano conferma il dominio di Alex Lupino


Alessandro Lupino - Foto Gianfranco Passera

Il grande favorito della vigilia conferma i pronostici e vince in solitaria. Nella MX2 Cervellin si riprende la tabella rossa

 
Comunicato stampa FXAction 25.06.2018


Foto Andrea Forloni

Si allunga a 6 la striscia di manche consecutive vinte da Alessandro Lupino in quest’edizione 2018 del campionato italiano Maxxis Prestige. Il campione in carica ha impartito la sua legge anche sulla pista di Castellarano, dominando in lungo e in largo la giornata.

Una giornata praticamente perfetta per fare motocross: calda e soleggiata, ma senza toccare i picchi che ci si aspetterebbero da una domenica estiva. E in più una pista preparata alla perfezione dal moto club Castellarano, con l’aiuto del sempre impeccabile staff di FXAction e Federazione Motociclistica Italiana. Tanto entusiasmo, pubblico numeroso e un livello tecnico dei piloti che cresce sempre più.


Michele Cervellin - Foto Claudio Fiori

LA CRONACA
MX1 Gara 1

Scatta in testa Giovanni Bertuccelli (Honda – Pardi), che guida il gruppo per un paio di tornate, prima di cedere il posto ad Alessandro Lupino (Kawasaki – Fiamme Oro).
Il viterbese forza per qualche giro, poi si mette a gestire il vantaggio su Stefano Pezzuto (Yamaha – Val San Martino), nel frattempo risalito al secondo posto.
In terza posizione si colloca Simone Zecchina (Yamaha – Ceres71), mentre Bertuccelli resiste in quarta piazza davanti a Nicola Recchia (Yamaha – Cerbone).

MX1 Gara 2
Holeshot di Zecchina, ma Lupino impiega meno di un giro a prendere il comando e replicare la fuga solitaria di gara-1.
Al secondo posto si riporta Pezzuto, protagonista di una bellissima rimonta, mentre Recchia ha ragione di Zecchina e si aggiudica il terzo gradino del podio.
Quinta posizione per l’intramontabile Cristian Beggi (Husqvarna – Gaerne), che approfitta del ritiro per noie meccaniche di Davide De Bortoli (Honda – Gaerne).

MX2 Gara 1
Gianmarco Cenerelli (Husqvarna – Suasa) e Giuseppe Tropepe (Yamaha – Val San Martino) si toccano dopo due curve e così in testa va Simone Furlotti (Yamaha – Migliori), che però ben presto deve cedere a Michele Cervellin (Yamaha – Fiamme Oro).
Furlotti cade poco dopo, facendosi superare anche da Andrea Zanotti (Husqvarna – SanMarino) e limitando i danni con il terzo posto. Quarta piazza per Filippo Zonta (Honda – Gaerne) e quinto Edoardo Bersanelli (Yamaha – Pergetti).

MX2 Gara 2
Alla prima curva è Zanotti a uscire per primo, mentre un’ammucchiata furiosa mette fuori causa diversi protagonisti, tra cui Furlotti, costretto al ritiro per i danni riportati dalla moto.
Nel frattempo Nicholas Lapucci (Yamaha – Montalbano Jonico) guadagna la testa e cerca la fuga, con Cervellin all’inseguimento. Il toscano è in palla, ma nelle fasi finali cade e deve ritirarsi, regalando a Cervellin un’agevole seconda vittoria di giornata.
Piazza d’onore per un brillantissimo Zonta, mentre al terzo posto se la giocano Cenerelli e l’idolo locale Matteo Bonini (KTM – Castellarano), che la spunta proprio all’ultimo giro, scatenando l’entusiasmo del pubblico.
Quinto in rimonta Giuseppe Tropepe (Yamaha – Val San Martino), al rientro da un lungo infortunio.


Filippo Zonta - Foto MXreport


Stefano Pezzuto - Foto Alex Piantanida

Supercampione
Lupino mette in chiaro le cose fin dalla prima curva. La gara per lui è poco più di una sessione d’allenamento, con Pezzuto che rimane sempre a inseguire a distanza di sicurezza.
Per il terzo posto è battaglia made in Veneto fra Recchia e Cervellin, fino a quando una scivolata del primo non spalanca la porta al capoclassifica della MX2.
Quinto termina Pier Filippo Bertuzzo (Yamaha – Hg Racing Team).


Podio Supercampione

ASSOLUTE
Alessandro Lupino piazza la seconda tripletta consecutiva nel campionato Maxxis Prestige e prende il volo in testa alla classifica della MX1. Con i tre secondi posti di Castellarano, Stefano Pezzuto si riprende la piazza d’onore anche in campionato. Terzo di giornata è Simone Zecchina, che si porta a ridosso di Davide De Bortoli in classifica.
Nella MX2 Michele Cervellin vince e si riprende la tabella rossa, approfittando delle sfortune di Simone Furlotti. Filippo Zonta porta a casa un convincente secondo posto di giornata, davanti ad Andrea Zanotti, che ora è il primo inseguitore di Cervellin in campionato.
Nella Fast MX1 primeggia ancora una volta Riccardo Righi (Husqvarna – Megan Racing), davanti a Francesco Muratori (KTM – Over Competition) e Tomas Ragadini (Honda – Parini). Nella Fast MX2 la spunta Andrea Adamo (Honda – Pardi), che si mette alle spalle Ismaele Guarise (Husqvarna – Monselice) e Giacomo Zancarini (Honda – Fun Bike). Nella classifica riservata alle 300 2 tempi è Michele Cencioni (KTM – Colli Fiorentini) a vincere, davanti a Davide Bertugli (Husqvarna – Castellarano) e al fratello Riccardo Cencioni (KTM – Colli Fiorentini).

Con la bella giornata di Castellarano, il campionato italiano Maxxis Prestige di motocross parte per le vacanze estive e si dà appuntamento all’8 e 9 settembre al Ciglione della Malpensa.

 
CLASSIFICHE

Alessandro Castellani Ufficio Stampa FXAction 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Michele Cervellin sbanca Ponte a Egola


Michele Cervellin

Il poliziotto del team Martin domina le due manche della MX2 e si aggiudica anche la finale Supercampione. Lupino vince in MX1. Ottime prove per Philippaerts e Chiodi.

 
Comunicato stampa FXAction 23.04.2018


Start MX1

Un tracciato selettivo e curato nei minimi particolari ha accolto a Ponte a Egola i piloti del campionato italiano Maxxis Prestige per la seconda prova. Gli uomini del motoclub Pellicorse e della Federazione Motociclistica Italiana hanno lavorato in profondità sul terreno del “Santa Barbara”, facendo in modo che si scavasse per esaltare le qualità dei più talentuosi e allenati. Un’ottima palestra sia per i giovani emergenti che per gli atleti impegnati nel campionato del mondo.

La giornata calda e soleggiata ha premiato gli sforzi degli organizzatori e del promoter FXAction, con un bel pubblico e con gare molto divertenti, apprezzate anche dagli spettatori che hanno seguito l’evento in tv.


Davide Bortoli

LA CRONACA – MX1

Gara-1: Giovanni Bertuccelli (Honda – Pardi) scatta in testa e ci rimane per qualche giro, prima di lasciare strada a Davide De Bortoli (Honda – Gaerne), a sua volta superato da David Philippaerts (Yamaha – Gorlese Mario Colombo). La leadership dell’ex campione del mondo dura un paio di giri, poi dalle retrovie arriva Alessandro Lupino (Kawasaki – Fiamme Oro), che, forte della sua condizione atletica superiore, rileva il comando e va a vincere in solitaria. Secondo e terzo posto per i comunque ottimi Philippaerts e De Bortoli.
Gara-2: Questa volta Lupino non sbaglia al via, imbocca in testa la prima curva e s’invola verso una vittoria senza colpi di scena. Alle sue spalle si confermano De Bortoli e Philippaerts, a posizioni invertite rispetto alla prima manche. Quarto posto per l’altro ospite d’onore della gara, Chicco Chiodi (Honda – Galaello), che a 44 anni dimostra ancora una volta la sua intramontabile classe.


David Philippaerts

MX2

Gara-1: Il giovane Alessandro Manucci (Yamaha – Migliori) spunta per primo in fondo al rettilineo della partenza, ma è Michele Cervellin (Honda – Fiamme Oro) a rilevare ben presto il comando. Il poliziotto veneto allunga con decisione, davanti alla tabella rossa di Giuseppe Tropepe (Yamaha – Val San Martino) e a Simone Furlotti (Yamaha – Migliori).
Gara-2: Ancora uno scatto al fulmicotone per Manucci, che però è costretto a lasciar strada già nel primo giro a Joakin Furbetta (KTM – Dmx Motorsport). Il pilota romano riesce a tener testa ai più quotati Furlotti e Cervellin per oltre metà gara, ma nelle fasi finali paga lo sforzo fatto e retrocede fino al sesto posto. Sul traguardo Cervellin ha ragione di un mai domo Furlotti, mentre in terza posizione si piazza Morgan Lesiardo (KTM – Cairatese), davanti al capoclassifica Tropepe.

SUPERCAMPIONE

De Bortoli si prende l’holeshot, ma un piccolo errore nelle fasi iniziali lo fa precipitare in mezzo al gruppo. Nel frattempo Cervellin s’installa al comando, seguito da Philippaerts. I due danno spettacolo per alcuni giri, poi l’ex iridato accusa la fatica e perde terreno, ma riesce comunque a difendere coi denti la piazza d’onore dal rientro di Lupino. L’ordine d’arrivo dice Cervellin, Philippaerts, Lupino, Furlotti e Tropepe.

ASSOLUTE

Tre vittorie in altrettante manche corse fanno di Michele Cervellin il dominatore assoluto della giornata. Dopo la partenza a handicap di Pietramurata, il campione in carica lancia la sua rincorsa alla conferma del titolo Maxxis Prestige MX2 e, con questa grande performance, scalza Tropepe in vetta alla classifica. Il calabrese si conferma ai vertici della categoria con il terzo posto assoluto, mentre Furlotti entra nella classifica del campionato col secondo posto di giornata.
Nella categoria Fast, la vittoria va a Manuel Ulivi (Yamaha –Cattai), davanti ad Adamo e Mercandino.

In MX1 Alessandro Lupino consolida il suo primato, grazie alle due vittorie nelle batterie e al terzo posto nella Supercampione. Sul podio di Ponte a Egola con lui salgono Philippaerts e De Bortoli, con quest’ultimo che risale al terzo posto anche nella provvisoria di campionato, alle spalle di Stefano Pezzuto.
La classifica riservata ai Fast premia Riccardo Righi (Husqvarna – Megan Racing), davanti a Muratori e Terraneo. Nella 300 2 tempi Michele Cencioni (KTM – Colli Fiorentini) ha la meglio su Bertugli.


Alessandro Lupino

CHALLENGE YZ YAMAHA

Come in ogni evento del campionato italiano Maxxis Prestige, la gara di Ponte a Egola ha dato modo ai cronometristi di estrapolare la classifica del Challenge YZ Yamaha, il campionato monomarca promosso da Yamaha Italia e riservato ai piloti della categoria Fast che si schierano al via in sella alle moto della Casa dei Tre Diapason.
La classifica di giornata è stata vinta da Manuel Ulivi, davanti a Thomas Berto e Felix Vaja. Con questo successo, Ulivi balza in testa anche alla classifica del trofeo, davanti a Vaja e Guarise.
Il montepremi finale del Challenge YZ Yamaha è di 2200 euro, suddivisi in 1000 euro per il primo classificato, 700 per il secondo e 500 per il terzo.

 
CLASSIFICHE

Alessandro Castellani Ufficio Stampa FXAction 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
condividi su facebook
condividi su twitter
invia ad un amico
www.fxactionmagazine.it

Lupino cala il tris a Gioiella


Alessandro Lupino - Foto MXReport

Il capoclassifica della MX1 fa da mattatore assoluto in terra umbra con una tripletta.
Nella MX2 decimata dalle assenze Furlotti vince e passa in testa alla classifica

 
Comunicato stampa FXAction 27.05.2018

Una gran bella giornata di motocross. Il campionato italiano motocross Maxxis Prestige è ripreso a gonfie vele da Castiglione del Lago, dopo l’annullamento per maltempo della gara del 6 maggio a Savignano sul Panaro. Condizioni meteo ottimali, pista preparata nel migliore dei modi e organizzazione impeccabile a cura di moto club Trasimeno, FMI e FX Action.

Una gran bella giornata di motocross, si diceva, nonostante le assenze di tanti protagonisti annunciati. Oltre 30 i piloti che sono mancati all’appello alle operazioni preliminari, quasi tutti per infortunio. Tra questi, naturalmente, lo sfortunatissimo Bryan Toccaceli, a cui sono state dedicate numerose iniziative di sostegno da tutto il paddock.

In MX2 erano assenti contemporaneamente i primi cinque della classifica: Cervellin, Tropepe, Lesiardo, Cislaghi e Furbetta hanno tutti marcato visita, consentendo di rientrare in gioco ai piloti che avevano perso punti nelle prime due gare del campionato.


Gianluca Facchetti - Foto Gianfranco Passera

CRONACA - MX2 gara 1
Al suo debutto stagionale nel Maxxis Prestige, Gianluca Facchetti (KTM - Gallarate) scatta in testa e lascia la battaglia alle sue spalle. In seconda posizione c’è Andrea Zanotti (Husqvarna – San Marino), costretto a difendersi a denti stretti per tutta la manche: prima da Simone Furlotti (Yamaha – Migliori) e poi dall’olandese Roan Van de Moosdijk (Yamaha). Alla fine a spuntarla è proprio Van de Moosdijk, che supera il giovane sammarinese nelle fasi finali. Più in difficoltà Furlotti, distanziato al quarto posto con l’ottimo Mattia Guadagnini (Husqvarna – Ardosa) subito alle calcagna.

MX2 gara 2
Seconda holeshot di giornata per Facchetti, che però stavolta non riesce a scappare via: Zanotti lo sorpassa con decisione nel primo giro, portandosi dietro Furlotti. Quest’ultimo è molto più pimpante rispetto alla precedente uscita e si porta ben presto il comando, gestendo con maturità i tentativi di reazione di Zanotti. Facchetti, invece, retrocede ancora, cedendo la terza posizione nel finale a un velocissimo Van de Moosdijk. Al quinto posto, più staccato, conclude Tommaso Isdraele Romano (Suzuki – Val San Martino).


Podio MX2 - Foto Gianfranco Passera

MX1 gara 1
Ammucchiata al via che coinvolge diversi protagonisti, tra cui Alessandro Lupino (Kawasaki – Fiamme Oro). In testa si porta Davide De Bortoli (Honda – Gaerne), che tenta la fuga approfittando delle convulse fasi iniziali. Il veneto riesce nel suo intento con tutti gli inseguitori, ma non con lo scatenato Lupino, che completa la sua irresistibile rimonta a tre quarti di gara acciuffando il primato. Sul traguardo il poliziotto viterbese precede De Bortoli e Stefano Pezzuto (Yamaha – Val San Martino), anche lui positivo in rimonta. Quarto Simone Croci (KTM – Over Competition) e quinto Giovanni Bertuccelli (Honda – Pardi).

MX1 gara 2
Lupino questa volta parte bene e, nel giro di pochi passaggi, si sbarazza di Nicola Recchia (Yamaha – Cerbone) e Riccardo Righi (Husqvarna – Megan Racing), allontanandosi indisturbato. Righi mantiene bene il secondo posto, mentre Recchia arretra fino alla nona posizione.
In terza piazza si colloca un regolare Pezzuto, con De Bortoli quarto in rimonta e Simone Zecchina (Yamaha – Ceres71) quinto.


Start MX1 - Foto MXReport

Supercampione
Gara decisiva per la classifica di giornata, soprattutto nella MX2, dove ci sono quattro piloti praticamente a pari punti. Alessandro Lupino decide di tenersi alla larga da rischi e, dopo aver superato uno Zanotti fulmineo al via, va a prendersi in scioltezza la terza vittoria di giornata.
Al secondo posto risale Furlotti, che si conferma il migliore della MX2. Grande rimonta anche da parte di Righi, terzo dopo una partenza a metà gruppo, mentre Zanotti lotta con grinta per assicurarsi quantomeno il quarto posto. Quinto conclude Recchia.

ASSOLUTE
Punteggio netto per Alessandro Lupino, che allunga ulteriormente in vetta alla classifica della MX1. Davide De Bortoli, secondo assoluto, recupera ancora qualche punticino su Stefano Pezzuto, che comunque resiste nella piazza d’onore del campionato con il terzo gradino del podio conquistato a Gioiella.
Riccardo Righi si conferma dominatore della Fast, mentre Tomas Ragadini scavalca Francesco Muratori al secondo posto nella provvisoria di campionato. Bella prova anche di Alessandro Giorgi, terzo di giornata.

Nella MX2 la classifica è totalmente stravolta. Con la vittoria di Gioiella e la contemporanea assenza di tutti i primi della classe, Simone Furlotti passa addirittura in testa al campionato. Una situazione impensabile alla vigilia della gara. Gianluca Facchetti bagna il suo debutto nel Maxxis Prestige con un positivo secondo posto, mentre Andrea Zanotti è terzo di giornata.


Simone Furlotti - Foto Alex Piantanida

 
CLASSIFICHE

Alessandro Castellani Ufficio Stampa FXAction 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lupino e Tropepe conquistano la tabella rossa a Pietramurata


Alessandro Lupino (Kawasaki) Ph.Gianfranco Passera
In un fine settimana condizionato dal maltempo, il campione in carica della MX1 si conferma leader. Nella MX2 svetta il calabrese.
 
Comunicato stampa FXAction 11.03.2018

PIETRAMURATA - Tempo da lupi al “Ciclamino” di Pietramurata. Le previsioni, d’altronde, non facevano presagire nulla di positivo e bene ha fatto la direzione gara ad anticipare metà del programma di gare al sabato, per salvaguardare il più possibile il completo svolgimento della prima prova del campionato italiano Maxxis Prestige.
In questo “corri corri” generale, l’organizzazione curata da moto club Arco, FMI e FXAction è riuscita comunque a gestire egregiamente la situazione, fronteggiando tutte le problematiche emerse nel corso del weekend.


Giuseppe Tropepe (Yamaha) Ph.MXReport

LA CRONACA – MX2
Gara1 - Dominio incontrastato di Giuseppe Tropepe (Yamaha – Val San Martino), che nel secondo giro si libera dell’austriaco Manuel Perkhofer (KTM) e poi scappa con un ritmo insostenibile per tutti.
Alle sue spalle Rudy Moroni (KTM – Lago d’Iseo) e Lorenzo Ravera (KTM - Maggiora Motocross) combattono un bellissimo duello per la piazza d’onore. Ma dalle retrovie arriva Michele Cervellin (Honda – Fiamme Oro), penalizzato da una cattiva partenza, ma bravo a rimediare se non altro il secondo posto.
Sul traguardo Tropepe precede con ampio margine Cervellin, Ravera, Lesiardo e Forato (anche loro in rimonta). Moroni rovina tutto con una scivolata nel finale e deve accontentarsi della nona posizione.
Gara2 – Su una pista allentata dalla pioggia della notte, Davide Cislaghi (KTM – Cairatese) scatta al comando, davanti a Joakin Furbetta (KTM – Dmx Motorsport). 
Dopo pochi giri, al secondo posto s’installa Morgan Lesiardo (KTM – Maggiora Motocross), che inizia a pressare Cislaghi, senza però riuscire mai a trovare lo spiraglio per superare il bravissimo pilota del team Silver Action.
Leggermente più in difficoltà rispetto al sabato Giuseppe Tropepe, che nel finale cede la terza posizione a Furbetta a causa di una scivolata. Va ancora peggio a Michele Cervellin, caduto al via e poi un’altra volta mentre cercava di recuperare. 
L’ordine d’arrivo vede Cislaghi precedere Lesiardo, Furbetta, Tropepe e Ravera. Decimo Cervellin.


Davide Cislaghi (KTM) Ph.Alex Piantanida

MX1
Gara1
– Il cielo è plumbeo e la luce del tardo pomeriggio di sabato comincia a scarseggiare, ma le 450 si schierano comunque al cancello. Prende la testa Milko Potisek (Yamaha – Ceres 71), tallonato da Lukas Neurauter (KTM) e Josè Butron (KTM – Marchetti Racing).
Le posizioni si stabilizzano in attesa del rush finale, ma il direttore di gara decide di fermare la gara dopo sette giri e poco più di un quarto d’ora di corsa, perché nel frattempo sulla pista è calato il buio. 
Potisek, che in quel momento si trovava ancora al comando, si aggiudica la vittoria, davanti a Neurauter, Butron, Pezzuto e Righi. Il campione in carica Lupino è sesto, dopo una partenza disastrosa.
Gara2 – Holeshot per Simone Zecchina (Yamaha – Ceres 71), che allunga davanti a Neurauter. L’austriaco esce di scena dopo due giri, così al secondo posto sale Alessandro Lupino (Kawasaki – Fiamme Oro).
Zecchina resiste tenacemente fino a metà gara, poi la migliore condizione fisica di Lupino fa la differenza.  Il viterbese della Kawasaki passa in testa e distanzia il mantovano, comunque ottimo secondo. Per la terza piazza Butron ha i suoi bei problemi ad avere ragione di Riccardo Righi (Husqvarna – Megan Racing), che nel finale accusa la fatica e viene superato anche da Pezzuto.
Una caduta nelle fasi iniziali costringe Potisek a correre con la moto danneggiata, limitandolo al ventitreesimo posto.


Podio MX1 Ph.Adriano Dondi

SUPERCAMPIONE
Alessandro Lupino prende il comando alla prima curva, ma sciupa tutto con un errore banale nel primo giro, ritrovandosi oltre la ventesima posizione. 
In testa passa così Stefano Pezzuto (Yamaha – Val San Martino), con Milko Potisek all’inseguimento. I due allungano nettamente su Giuseppe Tropepe, terzo e primo delle MX2. 
Con grande tenacia, Pezzuto riesce a resistere agli assalti di Potisek per tutta la gara, centrando una vittoria di grande prestigio. Il francese deve accontentarsi della piazza d’onore, davanti a Tropepe e Butron, che acciuffa il quarto posto a tre giri dalla fine, superando Lesiardo. Cislaghi conferma il suo buon momento con il sesto posto assoluto, mentre Lupino chiude settimo, al termine di una rimonta furiosa.
Non partito Michele Cervellin. Uno stop precauzionale, viste le precarie condizioni fisiche in cui il veneto del team Martin si presentava alla gara di Pietramurata.


Partenza MX2 Ph.Dalila Cherubin

ASSOLUTE 
Con un primo, un quarto e il terzo posto nella Supercampione, Giuseppe Tropepe è la prima tabella rossa dell’anno della MX2. Il calabrese del team Ghidinelli precede il sorprendente Cislaghi e Lesiardo, apparso in crescita col trascorrere delle manche. Ravera è quarto, mentre Cervellin paga la caduta al via di gara-2 e l’assenza nella Supercampione, che lo relegano al quinto posto.
Il podio della categoria Fast premia Rudy Moroni, davanti ad Adamo e Mercandino.
In MX1 Alessandro Lupino riesce a vincere la giornata nonostante qualche errore di troppo. Lo segue a breve distanza Butron, poi Potisek. Il vincitore della Supercampione, Pezzuto, è quarto, davanti a Zecchina. 
Riccardo Righi, come ampiamente nelle previsioni, è il migliore della categoria Fast. Alle sue spalle Andrea Cervellin e Ragadini. Davide Bertugli primeggia nella classifica riservata alle 300 2 tempi, davanti a Cencioni e Matteucci.

  • image
Previous Next

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy