clip image028 clip image030

logo fmi

Alessandro Lupino non dà tregua e conquista anche l’ultima prova di Faenza. Nella MX2 vince Nicholas Lapucci davanti a Michele Cervellin.

La gara finale al Monte Coralli di Faenza ha chiuso in modo spettacolare la bellissima e combattuta stagione del Campionato Italiano Motocross Maxxis MX1 MX2 2017: in quella che poteva essere una passerella o poco più che una formalità per Alessandro Lupino (Honda Redmoto Assomotor) e Michele Cervellin (Honda Martin), i due piloti delle Fiamme Oro non si sono risparmiati, concludendo al primo ed al secondo posto delle rispettive classi.

Già campione MX1 dalla precedente gara di Mantova, Lupino ha messo il sigillo finale con una doppia vittoria nelle due gare della giornata ed il successo nella Supercampione. Dietro di lui si è piazzato l’indomabile guerriero David Philippaerts (Yamaha ASTES4-TESAR), secondo in gara1 e nella Supercampione e terzo in gara2, ed unico capace di tenergli testa almeno per i primi giri delle frazioni di gara. Terzo Stefano Pezzuto (Yamaha), per la terza volta consecutiva sul podio, e autore di una bella gara che lo ha visto al secondo posto nella seconda frazione davanti a Philippaerts, e terzo nella Supercampione.
Quarto posto per Alberto Forato (Honda Redmoto Assomotor) che ha chiuso gara1 in terza posizione e gara2 in quarta, completanto poi la buona prestazione di giornata con un settimo nella Supercampione. Solo quinto Matteo Bonini (Kawasaki GBO Motor Sport) che mantiene il posto di vicecampione della MX1 resistendo all’attacco di Phlippaerts per soli 57 punti di margine.

Confermato campione già dalle prove del sabato vista l’assenza di Ivo Monticelli (KTM Marchetti Racing), Michele Cervellin ha puntato comunque in alto senza troppo risparmio, ma ha trovato sulla sua strada l’efficace Nicholas Lapucci (KTM Revolution) che, dopo la conquista della Pole Position Spark del sabato, ha fatto centro in gara 1 mantenendo il comando dal primo all’ultimo giro, ed ha chiuso gara2 al secondo posto centrando poi un quarto nella Supercampione. Secondo in gara1, vincitore in gara2 proprio davanti a Lapucci, ma ottavo nella Supercampione, Cervellin ha chiuso la giornata sul gradino d’onore. 
Vittoria MX2, dunque, per Nicholas Lapucci che ha realizzato a Faenza il suo miglior risultato di stagione e chiude il campionato in quarta posizione dietro agli assenti Monticelli, comunque secondo in campionato, e Simone Furlotti (Yamaha SM Action) terzo.

Tornando alla MX1, per quanto riguarda i campionati Under21 ed Over21 ancora aperti, si confermano i pronostici della vigilia: il duello Under21 tra Gianfranco Mattara (Honda RS77) e Alfredo Memoli (KTM Fba Powersports) si è chiuso con la vittoria del bresciano del MC RS77, che era in vantaggio nella classifica provvisoria prima del via, ed in quest’ultimo appuntamento ha segnato un altro successo utile quale sigillo del campionato. 

Nella MX1 Over21 Giovanni Bertuccelli (Honda Team Pardi) ha avuto la meglio su Cristian Furlotti (Yamaha SM Action ), conquistando anche lui la vittoria di giornata che ha confermato il suo titolo 2017. Nella 300 si è concluso un altro lungo duello tra Thomas Marini (Husqvarna Team Revolution) ed Alessio Della Mora (Husqvarna): l’alloro tricolore è andato a Marini che ha vinto la tappa di Faenza precedendo Della Mora sul podio per soli quattro punti.

Nella MX2 Over21, Luca Moroni (KTM Italian Factory), pur chiudendo la giornata in seconda posizione dietro al suo inseguitore in campionato Alessandro Brugnoni  (KTM Tuscia Racing), riesce a mantenere il comando della classifica e si conferma campione.
Finale come da pronostico nella MX2 Under21, dove l’inarrestabile spagnolo con licenza FMI Mahy Villanueva (Yamaha Rt 973 Mx School), balzato al comando dopo la gara di Mantova e vincitore di classe anche in questa gara, riesce a conquistare il titolo malgrado la sua assenza per infortunio – e quindi un punteggio zero – nella prova di Montevarchi. Secondo Lorenzo Ravera (KTM Maggiora Park) che sul finale di campionato ha visto avvicinarsi pericolosamente Yuri Quarti (KTM), il quale chiude a sua volta il suo campionato al terzo posto a soli 38 punti.

Nel Challenge YZ Yamaha nuova vittoria di Mahy Villanueva, re della MX2, e di Cristian Furlotti, dominatore MX1.

Si chiude così il Campionato Italiano Motocross Maxxis MX1 MX2 2017 dopo una serie di gare appassionanti che hanno attratto sempre molto pubblico, ed hanno proposto in ogni appuntamento la diretta televisiva grazie al grande impegno della società Promoter FXAction.
Però la stagione motocross 2017 non si ferma, e dà appuntamento già ne prossimo fine settimana, 14/15 ottobre, al Cavallara di Mondavio (PU)  per il Trofeo delle Regioni Motocross “Alberto Morresi”. Seguiranno gli appuntamenti del Supermarecross e gli eventi di autunno ed inverno, tra cui l’appuntamento del MotorShow di Bologna.

Photo Courtesy Dalila Cherubin

TUTTE LE CLASSIFICHE 2017

En plein di Alessandro Lupino che a Faenza mette a segno la settima Pole Position Spark, Lapucci è nuovamente primo della MX2. Michele Cervellin già Campione MX2

Nell’ultimo appuntamento stagionale del Campionato Italiano MX1 MX1 Maxxis, il già titolare della corona 2017 Alessandro Lupino (Honda Redmoto Assomotor) sigla per la settima volta, su sette prove, la Pole Position Spark. Il più rapido della MX2 è NIcholas Lapucci (KTM Revolution), per la seconda volta consecutiva autore della pole Spark.
Michele Cevellin (Honda Martin), leader di classifica MX2 dopo la penultima prova di Mantova, è già praticamente campione vista l’assenza di Ivo Monticelli (KTM Marchetti Racing), unico rivale che era ancora matematicamente in corsa per il titolo.  
Domani gara 2 e Supercampione saranno in diretta su Nuvola61 DTT e streaming su Sportelevision dalle 13:45.

Alessandro Lupino si laurea per la terza volta consecutiva Campione Italiano MX1. Nella MX2 vince Simone Zecchina e Michele Cervellin prende il largo verso il titolo.

Ancora una volta a segno: come da pronostico l’inarrestabile Alessandro Lupino (Honda Redmoto Assomotor) ha centrato a Mantova un’altra gara eccezionale che gli ha consegnato già dalla prima manche il terzo titolo tricolore consecutivo. Il pilota delle Fiamme Oro non ha sbagliato nulla: ha risolto ogni indecisione in partenza, scattando in modo perfetto per tre volte al cancelletto e centrando tre limpide vittorie nelle due gare e nella Supercampione. Sulla pista lombarda, resa molto impegnativa da un breve ma abbondante rovescio che ha costretto a posticipare la partenza della prima gara, Lupino ha condotto in testa dal primo all’ultimo giro tutte le frazioni. 

Nulla ha potuto Matteo Bonini (Kawasaki GBO Motor Sport), unico sfidante matematicamente ancora in gioco per la vittoria di campionato, che nella decisiva gara1 è rimasto intruppato nel fango ed ha concluso in quattordicesima posizione dopo essere precipitato addirittura in trentesima al sesto giro. Bonini ha fatto meglio nella seconda gara, dove ha concluso terzo dietro ad un sempre combattivo ed efficace David Philippaerts (Yamaha ASTES4-TESAR), ma nella Supercampione non è riuscito nuovamente a guadagnare la zona alta di classifica ed ha chiuso undicesimo riaprendo così la corsa alla medaglia d’argento 2017 MX1 che ora è evidentemente nelle mire di Philippaerts, secondo oggi anche nella supercampione e terzo nella provvisoria a soli 184 punti di distacco. 

Più veloce di Matteo è stato l’altro Bonini, Davide, che, rientrato dopo la sosta forzata di sei mesi dovuta ad un infortunio ad un ginocchio, ha portato la KTM del suo nuovo team Steels Dr.Jack  sul podio al secondo posto grazie ad un terzo in gara 1 ed a due quarti piazzamenti infilati con determinazione in gara 2 e nella Supercampione. 
A completare il podio MX1 Elite è stato Stefano Pezzuto (Yamaha): per la seconda volta consecutiva sul terzo gradino dopo la positiva prestazione di Bosisio Parini, il pilota del Team Ghidinelli ha infilato un doppio quinto posto nelle due gare, ed ha poi chiuso settimo la Supercampione.

Acuto di Giovanni Bertuccelli (Honda Team Pardi), che nella prima gara MX1 ha tagliato il traguardo in seconda posizione guadagnando un bottino di 210 punti decisamente importanti per la corsa al titolo Over 21. Presentatosi a Mantova  in testa alla classifica di classe con 59 punti di vantaggio sul suo tenace inseguitore Cristian Furlotti (Yamaha SM Action ) , Bertuccelli ha staccato Furlotti, oggi secondo sul podio over di Mantova, di 231 lunghezze: non una certezza matematica per il titolo, ma una seria ipoteca se si considera che mediamente i punti assegnati per ogni gara nella over21 sono sempre interiori a 200.

Se Bertuccelli allunga nella over21 MX1, Gianfranco Mattara (Honda RS77) non è da meno nella Under21: a vincere la tappa odierna è stato l’efficace Michele Salomoni (Yamaha Le Valli), primo di classe in gara 1 e secondo sia in gara 2 sia nella Supercampione, ma subito dietro, ad un soffio,si è piazzato, appunto, Mattara, che ha guadagnato la posizione d’onore davanti allo sfidante Alfredo Memoli (KTM Fba Powersports), terzo. Ma Salomoni non èi in gioco per il campionato Under in quanto arretrato poiché assente a due appuntamenti, così la sfida rimane circoscritta a Mattara e Memoli, con il primo in vantaggio ora di 139 punti.

Nel duello della classe 300 tra Alessio Della Mora (Husqvarna) e Thomas Marini (Husqvarna Team Revolution) è stato oggi Della Mora a segnare, per soli due punti, un centro sul più alto gradino del podio: i due sono ora divisi da 49 lunghezze con il sammarinese Marini, oggi secondo, al comando della classifica con 957 punti. Il verdetto è anche qui rinviato all’ultima prova di Faenza.
Fuori dalla partita per la vittoria della 300 Manuel Beconcini (KTM MDM Racing), oggi terzo e terzo anche in campionato ma staccato di oltre 300 punti dai primi due.

Molto combattuta la sfida nella classe MX2, dove la vittoria è andata a Simone Zecchina (Yamaha SM Action), che sulla pista di casa ha colto il bel risultato centrando il primo posto in gara 1 cui ha fatto seguito un buon sesto posto nella frazione successiva ed un quattordicesimo nella Supercampione. Abbastanza soddisfatto del suo secondo gradino del podio Michele Cervellin (Honda Martin), che con questo risultato prende il largo verso il titolo MX2 con oltre 400 punti di vantaggio sul primo inseguitore che ora è Ivo Monticelli (KTM Marchetti Racing).

Assente, infatti, Simone Furlotti (Yamaha SM Action) causa l’infortunio nella gara di Campionato Europeo, la sfida per il tricolore di classe è rimasta circoscritta oggi al pilota veneto delle Fiamme Oro ed al marchigiano. Entrambi oggi hanno commesso qualche errore: Cervellin è caduto nel primo giro di gara1 chiusa poi al tredicesimo posto, ma ha poi brillantemente rimediato con una vittoria in gara 2 ed un terzo posto nella Supercampione dopo un acceso duello con Philippaerts; Monticelli ha chiuso bene gara1, al terzo posto, dopo essersi misurato con Mahy Villanueva  (Yamaha Rt 973 Mx School) e Yuri Quarti, ma è stato protagonista di due partenze non efficaci in gara 2 e nella Supercampione. Quarto a fine gara ad un soffio dal terzo gradino del podio, andato al pilota svedese portacolori del team Yamaha SM Action Alvin Ostlund, Ivo Monticelli rimani quindi l’unico sfidante matematicamente, ma molto staccato, in partita per il titolo MX2.

Aperta a tre, invece, la corsa al tricolore MX2 Under21, con Villanueva balzato oggi in testa grazie ad un secondo posto  assoluto in gara 1, ad un quinto in gara 2 ed un quattordicesimo nella Supercampione. A fare le spese di questo sorpasso è Lorenzo Ravera (KTM Maggiora Park): terzo Under in gara 1 e secondo dietro a Villanueva in gara 2, ha chiuso la gara terzo di classe arretrando al secondo posto in classifica. Meglio di lui in questa tappa ha fatto Yuri Quarti (KTM), che ha chiuso la giornata in seconda posizione.
Nella MX2 Over 21 Luca Moroni (KTM Italian Factory) segna un altro passo deciso verso il titolo: secondo dietro ad Alessandro Brugnoni  (KTM Tuscia Racing) che ha colto oggi il suo miglior risultato stagionale, conduce la classifica con 730 punti contro i 567 del secondo classificato che è lo stesso Brugnoni.
Tra i protagonisti della MX2 di Mantova anche il pilota del team KTM Revolution Nicholas Lapucci: autore della Pole Position Spark del sabato, Lapucci ha fatto segnare un ritiro nella prima gara, ma ha centrato il secondo posto ad otto decimi da Cervellin nel secondo round ed ha poi chiuso ottavo la Supercampione; il tutto per un sesto posto finale.

Nel Challenge YZ Yamaha trionfano i già citati Michele Salomoni, primo della MX1, e Mahy Villanueva, re della MX2.

i chiude così il penultimo round della stagione 2017: prossimo appuntamento, decisivo per tutti i titoli salvo la MX1 Elite, è fissato fra quindici giorni, il 7 ed 8 ottobre, al Monte Coralli di Faenza.

TUTTE LE CLASSIFICHE 2017

Segui il motocross di FXAction su twitter @fxactionmag

Atto finale della stagione tricolore MX1-MX2 al crossodromo Monte Coralli di Faenza. Michele Cervellin ad un passo dal titolo MX2.

Il mitico impianto Monte Coralli di Faenza si appresta ad aprire i cancelli in questo fine settimana - 7/8 ottobre - per l’ultimo atto della stagione nazionale motocross MX1 MX2: una gara attesa e determinante per l’assegnazione del titolo MX2 e di tutti i titoli Under21, Over21 delle due classi, più quello della 300. 
Dopo la conquista del terzo tricolore MX1 consecutivo da parte di Alessandro Lupino (Honda Redmoto Assomotor), l’altro trono più alto del campionato – quello della MX2 - non è ancora stato assegnato, ma risulta alla facile portata di Michele Cervellin (Honda Martin), il quale, pur con qualche lieve incertezza nel corso della stagione, ha tenuto il comando della classifica dal secondo appuntamento in poi, allungando proprio nella penultima prova. 

Assente Simone Furlotti (Yamaha SM Action), propostosi nel corso dell’anno come uno dei piloti più accreditati per la corsa al campionato, ma costretto a disertare la gara di Mantova a causa di un infortunio, nella penultima prova Cervellin ha trovato quale unico cliente difficile per la scalata al titolo l’efficace Ivo Monticelli  (KTM Marchetti Racing), unico ancora matematicamente in gioco.
La gara sulla pista lombarda, sesta e penultima del 2017, vinta da Simone Zecchina (Yamaha SM Action) si è conclusa però con Cervellin sul secondo gradino del podio e Monticelli al quarto. Un balzo in avanti per il pilota delle Fiamme Oro che potrà contare a Faenza sul vantaggio ragguardevole di ben 427 punti, sufficienti a permettergli una oculata gestione di questa finale.

Se il risultato del duello nella classe Élite pare abbastanza scontato, stessa cosa non si può dire per la MX2 Under21, dove lo spagnolo con licenza FMI Mahy Villanueva (Yamaha Rt 973 Mx School), titolare di un bottino di 990 punti, è balzato al comando della classifica superando nella penultima prova Lorenzo Ravera (KTM Maggiora Park), ora secondo a 951. Della partita per il titolo Under MX2 in questa ultima gara potrebbe essere anche Yuri Quarti (KTM), a quota 885.
Più delineata la situazione nella MX2 Over21, dove il capofila Luca Moroni  (KTM Italian Factory) gode di un vantaggio di 163 punti su Alessandro Brugnoni (KTM Tuscia Racing): un distacco che, considerando la media dei punti assegnati per ciascuna gara alla categoria Over, sembra difficilmente recuperabile.

Anche per quanto riguarda la MX1, pur con il titolo già assegnato, sarà imperdibile la battaglia al vertice per la conquista del secondo posto di campionato, che è stato messo nel mirino da David Philippaerts (Yamaha ASTES4-TESAR): l’ex campione del mondo si trova in terza posizione a quota 1688, effettivamente vicino al secondo posto di Matteo Bonini (Kawasaki GBO Motor Sport), in vantaggio di 182 punti, a quota 1872.
Atteso il duello finale per il titolo Under21 MX1, dove comanda Gianfranco Mattara (Honda RS77) con 882 punti, inseguito da Alfredo Memoli (KTM Fba Powersports), staccato di 139 punti.
Nella Over21 è molto vicino al titolo Giovanni Bertuccelli (Honda Team Pardi): dall’alto dei suoi 1065 punti appare difficilmente avvicinabile dal pur efficace Cristian Furlotti (Yamaha SM), che di punti ne conta 834. 

Un altro avvincente confronto a due si profila nella classe 300, dove gli sfidanti dell’intera stagione, il sammarinese Thomas Marini (Husqvarna Team Revolution) ed Alessio Della Mora (Husqvarna), rispettivamente primo e secondo della classifica provvisoria, si schiereranno al cancelletto divisi da soli 48 punti.
Non mancherà per il gran finale di campionato la diretta televisiva: gara 2 e Supercampione sul canale DDT Nuvola61 ed in streaming su Sportelevision. Replica della Supercampione martedì 10 ottobre alle 19:30 su Sportitalia DDT e piattaforma Sky.

 

 

 

Infinito Lupino! Il pilota del team Honda Redmoto Assomotor centra a Mantova la sua sesta Pole Position Spark stagionale. Nicholas Lapucci realizza la Pole MX2.

Dopo lo stop estivo il Campionato Italiano Motocross Maxxis MX1 MX2 è tornato al cancelletto di partenza sul crossodromo internazionale Città di Mantova per la sesta e penultima sfida stagionale, un appuntamento che potrebbe determinare in anticipo almeno uno dei titoli in gioco, quello della classe MX1. 
Le prove cronometrate di oggi hanno fornito i primi verdetti per questo importante fine settimana: a conquistare la Pole Position Spark sono stati Nicholas Lapucci (KTM Revolution), primo della MX2, ed Alessandro Lupino (foto in alto), che conferma ancora una volta con la prestazione odierna l’ipoteca per la corona tricolore MX1 2017; una corsa al titolo per la quale può contare su un vantaggio di quasi novecento punti nei confronti del primo inseguitore Matteo Bonini (Kawasaki GBO Motor Sport).

Il cancelletto di partenza MX1 di domani propone al secondo posto dietro a Lupino il pilota del team Steels Dr.Jack Davide Bonini (KTM), poi David Philippaerts (Yamaha ASTES4-TESAR) e, al quarto posto, lo sfidante per il titolo Matteo Bonini.
Per quanto riguarda la MX2, nelle prime posizioni al cancelletto dopo Lapucci ci saranno lo svedese Alvin Östlund (Kemea Yamaha MX2 Team), Ivo Monticelli (KTM Marchetti Racing) ed il titolare della prima posizione di campionato Michele Cervellin (Honda Martin). Assente purtroppo Simone Furlotti (Yamaha SM Action), secondo nella classifica provvisoria MX2, infortunatosi in Svizzera nella prova di campionato europeo.

Domani warm-up dalle ore 9, poi la prima gara delle due classi dalle 10:20, e gara 2 dalle 13:40; Supercampione alle 16:30.
Come accade per tutti gli appuntamenti di Campionato Italiano MX1 MX2, anche per questa prova è garantita la diretta televisiva sul canale DTT Nuvola61: dalle 13:30 gara 2 e dalle 16:30 la Supercampione. (Altre info su facebook)

Photo Courtesy Adriano Dondi

TUTTE LE CLASSIFICHE 2017

Segui il motocross di FXAction su twitter @fxactionmag

  • image
Previous Next

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy